INFO
EVENTI INTERNAZIONALI D'ARTE
Numero Civico
via Vittorio Veneto, 5
38068 Rovereto TN
Italy
tel: +39 (0)464 439936
fax: +39 (0)464 080740
info@numerocivico.info
www.numerocivico.info

reported by numerocivico.info
shared by numero civico rovereto
View map
Elisabetta G. Rizzioli : Archimede
Copertina: Cammeo con ritratto di Archimede sec. XVI, intaglio in pasta vitrea (mm 22x17), Napoli, Museo Archeologico Nazionale, Collezione Farnese (inv. 27375)

Elisabetta G. Rizzioli

Archimede

Immagini, iconografie e metafore dello scienziato siracusano dal Cinquecento all’Ottocento

Filosofia e scienza fra valoriВ simbolici e paradigmatici

 

edizioniosiride

ISBN: 978-88-7498-191-5

In copertina

Cammeo con ritratto di Archimede

sec. XVI, intaglio in pasta vitrea (mm 22×17), Napoli,

Museo Archeologico Nazionale, Collezione Farnese (inv. 27375)

€ 30,00

В 

 

L’occasione al presente lavoro deriva dallo studio di una tela avente

per soggetto Archimede di Siracusa e di due disegni ad essa collegati,

compiuto nell’ambito della monografia su Domenico Udine Nani

(1784-1850) pubblicata negli anni scorsi. Questo Archimede. Immagini,

iconografie e metafore dello scienziato siracusano dal Cinquecento all’Ottocento.

Filosofia e scienza fra valori simbolici e paradigmatici propone

un circoscritto itinerario che antologizza l’iconografia del personaggio

attraverso una significativa sequenza di opere europee lungo un arco

temporale in cui per varie prerogative ГЁ oggetto di molta attenzione.

Il volume intende delineare, fra mito e storia, l’identità dipinta di Archimede,

definita principalmente attraverso la rappresentazione tematica

della sua uccisione ma anche attraverso diversificate predilezioni per

modelli agiografici (San Girolamo), filosofici (sovente ГЁ accoppiato ai

piГ№ noti episodi della storia di Diogene o a Pitagora) e popolari, con

appunti ed inclinazioni verso temi e oggetti connessi alla scienza – fra

astronomia, matematica e astrologia –, al neostoicismo cristiano con

В«emblemi morali in forma di pitturaВ» ed una serie di mezze figure

– ritratti dai lineamenti marcati e individualizzati o composizioni eseguite

senza modelli – che documentano l’incidenza che il tema della

vanitas riveste anche in relazione alle presunte radici filosofiche congiunte

al simbolismo del tempo – fra ludicrum moralizzato e riflessione

metafisica – e danno parimenti conto di un vero e proprio genere in

voga nel Seicento.

Altre rappresentazioni rinviano all’impegno etico-politico che interessa

lo stoicismo neoclassico della seconda metГ  del Settecento e,

successivamente, quello romantico, nonchГ© alla storia e alla genesi

successiva del mito del grande predecessore siracusano della rivoluzione

scientifico-tecnologica.

 

 

L’occasione al presente lavoro deriva dallo studio di una tela avente

per soggetto Archimede di Siracusa e di due disegni ad essa collegati,

compiuto nell’ambito della monografia su Domenico Udine Nani

(1784-1850) pubblicata negli anni scorsi. Questo Archimede. Immagini,

iconografie e metafore dello scienziato siracusano dal Cinquecento all’Ottocento.

Filosofia e scienza fra valori simbolici e paradigmatici propone

un circoscritto itinerario che antologizza l’iconografia del personaggio

attraverso una significativa sequenza di opere europee lungo un arco

temporale in cui per varie prerogative ГЁ oggetto di molta attenzione.

Il volume intende delineare, fra mito e storia, l’identità dipinta di Archimede,

definita principalmente attraverso la rappresentazione tematica

della sua uccisione ma anche attraverso diversificate predilezioni per

modelli agiografici (San Girolamo), filosofici (sovente ГЁ accoppiato ai

piГ№ noti episodi della storia di Diogene o a Pitagora) e popolari, con

appunti ed inclinazioni verso temi e oggetti connessi alla scienza – fra

astronomia, matematica e astrologia –, al neostoicismo cristiano con

В«emblemi morali in forma di pitturaВ» ed una serie di mezze figure

– ritratti dai lineamenti marcati e individualizzati o composizioni eseguite

senza modelli – che documentano l’incidenza che il tema della

vanitas riveste anche in relazione alle presunte radici filosofiche congiunte

al simbolismo del tempo – fra ludicrum moralizzato e riflessione

metafisica – e danno parimenti conto di un vero e proprio genere in

voga nel Seicento.

Altre rappresentazioni rinviano all’impegno etico-politico che interessa

lo stoicismo neoclassico della seconda metГ  del Settecento e,

successivamente, quello romantico, nonchГ© alla storia e alla genesi

successiva del mito del grande predecessore siracusano della rivoluzione

scientifico-tecnologica.

 

Elisabetta G. Rizzioli (Rovereto 1968), dottore di ricerca all’Università

di Pisa, docente e giornalista pubblicista, socia dell’Accademia

Roveretana degli Agiati, è storica dell’arte specialista del Settecento

e dell’Ottocento, autrice in particolare delle monografie Domenico

Udine Nani 1784-1850, Rovereto 2003 – con il successivo ampliamento

Domenico Udine Nani 1784-1850. Aggiunte al catalogo delle opere,

Rovereto 2004 – e Antonio Rosmini Serbati conoscitore d’arte, Padova

2008, e di numerosi saggi e contributi di settore in riviste specializzate,

miscellanee e cataloghi.

 


Loading Map....

This post is also available in: Italian

Recent Highlights